Doosan ha deciso di allargare la propria gamma di dumper articolati. E lo fa a modo suo, entrando in una nicchia di mercato dove sono presenti in pochi e con prodotti convincenti. A Bauma 2022 sarà presente, nello stand del costruttore, il nuovo DA45-7 4×4. Una macchina che entra in competizione diretta con i dumper rigidi 4×2 portando in dote l’esperienza del costruttore nel settore degli articolati 6×6.

Si tratta di un completamento di gamma che vede Doosan competere oggi solo con la sudafricana Bell Equipment che, dalla sua, ha il fatto di essere una specialista di questi prodotti.

Il nuovo articolato compatto del costruttore coreano deriva in modo diretto dal suo fratello maggiore DA45-7 6×6 di cui condivide molti elementi fondamentali fra cui tutto il semitelaio anteriore e la catena cinematica.

Doosan arriva sul mercato con un ADT 4x4

DOOSAN

Il nuovo dumper DA45-7 4×4 nelle fasi di sviluppo e collaudo

Perché un ADT a 2 assi con trazione integrale?

Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un cambiamento del mercato. La strada della verticalizzazione delle competenze ha portato le imprese ad investire in macchine specializzate e fino a poco tempo fa considerate non fondamentali. Questo grazie ad una progressiva crescita tecnologica dove il controllo di gestione si rivela fondamentale.

Controllo che ha permesso di valutare l’effettivo TCO dei mezzi guidando gli utilizzatori verso scelte produttivamente più efficienti. I dumper, nella movimentazione in off-road, sono sicuramente le macchine più produttive ed economicamente convenienti. Occorre però specificare che le versioni 6×6 articolate, pensate soprattutto per la mobilità più difficile, sono meno concorrenziali quando si parla di movimentazione su terreni ordinari. Che diventa il regno, di fatto, dei rigidi 4×2.

Il cassone del Doosan DA45-7 4x4 è paragonabile a quello dei dumper 4x3 rigidi

DOOSAN

Il cassone è del tutto paragonabile a quelli impiegati sui dumper rigidi 4×4

L’obiettivo di Doosan è di avere una macchina agile, concorrenziale, produttiva e affidabile per inserirsi in questa specifica nicchia di mercato. Ossia laddove un articolato 6×6 è una macchina “eccessiva” e dove invece dei normali mezzi d’opera farebbero fatica. E dove infatti i classici dumper rigidi di piccola dimensione, ormai merce rara sul mercato, sono stati una scelta intelligente.

Potrebbe interessarti

Doosan DA45-7 4×4, il compatto entra in scena

Il nuovo ADT (Articulated Dump Truck) del costruttore coerano completa la gamma costruita in Norvegia negli stabilimenti che diedero origine alla Moxy. Si tratta, come anticipato, di una versione versione 4×4 del dumper articolato DA45-7 sviluppata per competere direttamente con i dumper a telaio rigido da 40 tonnellate. Di fatto rappresenta un logico completamento della gamma attuale andando ad attirare quegli utilizzatori che avrebbero puntato a macchine differenti.

Nel nuovo dumper, semitelaio anteriore e cabina sono gli stessi del modello 6×6 originale e le modifiche si concentrano sulla zona posteriore. La trasmissione è la conosciuta ZF EP8-420 ed è al servizio di un cassone la cui sezione è del tutto simile a quella dei dumper rigidi da 40 tonnellate. Ovviamente per facilitare il carico con pale gommate medio-grandi, tallone d’Achille dei modelli 6×6 coreani.

Il semitelaio anteriore è identico a quello del Doosan DA45-7 6x6

DOOSAN

Il semitelaio anteriore del nuovo dumper DA45-7 4×4 è del tutto identico a quello della versione 6×6

A tu per tu con gli RDT, Rigid Dump Truck

Il target di Doosan è quindi molto chiaro, come sottolinea Beka Nemstsveridze, Product Manager ADT di Doosan “Il nuovo DA45-7 4×4 ha prestazioni superiori sulle strade più dissestate, sulle superfici più viscide e sui terreni più ripidi. Abbiamo puntato a sfidare gli RDT da 40 tonnellate presentandosi con una macchina capace di offrire molto di più rispetto ai dumper a telaio rigido tradizionali”.

Infatti, oltre a garantire prestazioni superiori in condizioni che risultano difficili per i normali dumper rigidi, il nuovo ADT 4×4 DA45-7 è largo meno di 4 m per semplificare il trasporto su strada. Inoltre ha un raggio di sterzata migliore rispetto agli RDT della stessa classe. Il raggio di sterzata inferiore e la configurazione del cassone ribaltabile lo rendono adatto anche nella costruzione delle gallerie e in ambito minerario. La forma del cassone è infatti stata pensata proprio per il trasporto di rocce piatte e pesanti.

Il posto guida del DA45-7 4x4

DOOSAN

La cabina di guida del nuovo dumper DA45-7 4×4 è identica a quella degli altri modelli del costruttore

Un mercato interessante

Si tratta infatti di target di mercato in continua crescita per gli ADT dove si è capita la validità di queste macchine. La loro sempre maggiore diffusione è legata alla loro convenienza ed efficienza in condizioni operative spesso molto differenti fra loro.

Beka Nemstsveridze ha intatti rimarcato come “A guidare lo sviluppo progettuale del nostro ADT 4×4 sono state le esigenze dei clienti. Il nostro dumper nasce infatti per soddisfare le richieste dei mercati mondiali. Questi ultimi si sono orientati agli ADT grazie ai vantaggi che possiedono nella movimentazione in applicazioni con esigenze specifiche. Ad esempio, grazie ad una macchina come questa è possibile prolungare il periodo di attività delle miniere che, normalmente, si fermano ogni anno per un certo periodo durante la stagione delle piogge. La trazione integrale e la mobilità elevata in condizioni difficili sono un plus di grande valore”.

LA cabina di guida degli ADT di Doosan è fra le più funzionali

DOOSAN

Il posto guida dei dumper della Serie 7 DA è fra le più funzionali e confortevoli del mercato

Le valutazioni operative di Doosan

I tecnici del costruttore coreano hanno attentamente valutato vantaggi e svantaggi di un dumper ADT 4×4 di queste dimensioni. Quindi, partendo da un consolidato modello esistente gran parte del lavoro era già, di fatto, realizzato. Ecco dunque che, rispetto ad un analogo modello rigido, un dumper articolato 4×4 è in grado di affrontare pendenze più ripide grazie al baricentro abbassatto e alla differente distribuzione dei pesi. La trazione integrale conferisce un comportamento dinamico migliore in condizioni di bagnato e su terreni scivolosi.

In caso di pioggia battente e su terreni difficili gli RDT potrebbero doversi fermare mentre il DA45-7 4×4 è in grado di operare più a lungo. Il raggio di sterzata è molto inferiore a parità di capacità di carico per cui è possibile l’impiego dell’articolato 4×4 anche in cantieri con spazi difficili.

Nel confronto diretto con il pari modello Doosan DA45-7 6×6 si ha una minore usura del suolo grazie all’architettura con due soli assi e articolazione centrale di sterzo. Per quanto la stessa articolazione di sterzo, in una valutazione che riguarda la durata nel tempo, è forse il vero punto debole di un dumper articolato rispetto ad uno rigido.

MotoreScania DC13
Cilindrata/cilindri12,7 litri / 6 cilindri
Potenza netta / n° giri360 kW (483 cv) @ 2.100 giri/min
Coppia massima / n° giri2.373 Nm @ 1.300 giri/min
Potenza per tonnellata5,00 kW/t (6,8 cv/t )
Portata massima41 tonnellate
Tara30,5 tonnellate
Peso totale71,5 tonnellate

DOOSAN

Il mercato minerario è uno dei target principali del nuovo dumper DA45-7 4×4

In primo piano

Sicurezza & macchine. Il video del primo WEB Event.

Sicurezza & Macchine è il tema del nostro primo WEB Event. Un vero e proprio tasto dolente che posiziona l'Italia in coda nell'Unione Europea. I dati INAIL ci forniscono infatti un quadro desolante. Inizia da qui un percorso dove vogliamo diffondere la Cultura della Sicurezza come vero e proprio mod...

Manitou, GB Costruzioni e Longhin, alleanza di lunga data.

G.B. Costruzioni è una delle imprese più reputate del nord ovest per la sua grande attenzione alla qualità del costruito e alla cura dei dettagli. Da decenni utilizza i sollevatori telescopici Manitou nei propri cantieri edili. Grazie ad un rapporto di fidelizzazione con il costruttore e con il conc...

Articoli correlati