Doosan è arrivata sul mercato con il suo primo escavatore dotato di tecnologia FEH. Acronimo di Full Electric Hydraulic. Un passo di cui si sentiva parlare da tempo nell’ambiente e che fa capire come la scelta del costruttore coreano vada nella stessa direzione di altri big come Caterpillar e Volvo.

Due filosofie che vedono contrapposte la gestione completamente idraulica e quella elettroidraulica. Con, in entrambi i casi, vantaggi e svantaggi.

Il costruttore coreano definisce “Smart” il suo nuovo DX225LC-7X. Ed in effetti si tratta di una macchina pensata per essere più efficiente in tutte le operazioni di cantiere grazie alle tecnologie integrate che le nuove soluzioni tecnologiche permettono di implementare.

L'impiego dei comandi FEH da parte di Doosan era nell'aria da tempo

Doosan

Il costruttore coreano utilizza per la prima volta la tecnologia FEH con i comandi elettroidraulici

Doosan 7X, tecnologia integrata

Si è quindi ripartiti dal DX225LC, una macchina che torna in scena, almeno come sigla identificativa, dopo che era stata sostituita nei nostri mercati dal DX235. Peso operativo leggermente più contenuto e una presenza che entra in diretta concorrenza con altri modelli di costruttori blasonati. Ma oltre alla struttura abbiamo guida macchina 2D integrata, controllo macchina 2D semiautomatico, ricevitore laser e confinamento del raggio d’azione tramite E-Fence virtuali. Oltre ovviamente al sistema di pesatura.

Si tratta quindi di un ulteriore passo in avanti, rispetto alle tecnologie precedenti, reso possibile proprio dal sistema FEH. Doosan era infatti fra i pochi costruttori a fornire la possibilità di installare tecnologie digitali direttamente dalla fabbrica o in after-market grazie all’opzione della predisposizione di installazione. Da ora il nuovo DX225LC-7X “porta in dote” molta più tecnologia integrata.

Il sistema FEH porta in alto l'efficienza di Doosan

Doosan

Esternamente non cambia nulla ma internamente il nuovo DX225LC-7X compie un taglio con il passato

La tecnologia FEH (Full Electric Hydraulic)

Tutto sta nella tecnologia FEH che Doosan ha deciso di implementato sui nuovi 7X. Di cui il DX225LC è il primo modello presentato al mercato.

Questa tecnologia si basa sul controllo del distributore tramite elettrovalvole comandate dalle linee elettriche. Queste ultime sostituiscono i classici servocomandi pilotati idraulici. Il distributore riceve quindi i comandi di movimento sotto forma di segnali elettrici. Questi sono elaborati in modo più rapido e teoricamente preciso eliminando le tubazioni dei servocomandi tradizionali. Un sistema che comporta un sensibile risparmio di carburante e permettendo un gran numero di funzioni automatiche di blocco/ sicurezza e ausili allo scavo impossibili con dei comandi tradizionali.

L'efficienza è il primo obiettivo di Doosan con i nuovi comandi FEH

Doosan

Il primo obiettivo del nuovo 7X è l’efficienza operativa

Arriva il Doosan VBO anche in questa classe di peso

Questi nuovi comandi sono ora associati al VBO (Virtual Blee Off) D-ECOPOWER sviluppato da Doosan insieme a Bosch Rexroth e utilizzato già nei serie 7 convenzionali sulle macchine più grandi come il DX300, il DX350 e il DX380.

Questo innovativo impianto idraulico, che ha oggettivamente riscosso consensi grazie alla maggiore precisione operativa, arriva quindi anche sui mezzi con peso operativo inferiore. Anche questa è un’implementazione di cui si parlava da tempo e Doosan ha infine scelto di uscire con i nuovi 7X in questa classe di peso proprio con il VBO.

Si tratta di un sistema brevettato che legge continuamente i carichi di pressione che arrivano al distributore per ogni singola spola. Grazie a questi dati dialoga elettronicamente in tempo reale con le pompe per garantire in modo istantaneo solo la quantità di olio effettivamente necessaria.

Questo permette di risparmiare carburante e avere una superiore di movimenti unita a una migliore controllabilità rispetto alle soluzioni utilizzate in precedenza dal costruttore. Sulla carta i due sistemi dovrebbero quindi garantire un’efficienza di alto livello. Siamo curiosi di “toccare con mano” il risultato della combinazione del VBO associato alla tecnologia FEH.

Doosan dichiara un risparmio fino all’8% del consumo di carburante con il sistema FEH. Efficienza che si somma all’ulteriore 7% che il VBO D-ECOPOWER ha rappresentato rispetto alla Serie 5 precedente.

Controllare con l’elettricità

Il sistema integrato di guida del DX225LC-7X utilizza diversi sensori montati sul braccio, sul cinematismo della benna e su tutta la torretta. Questi rilevano la posizione di ogni singolo elemento rispetto a tutti gli altri definendo in modo preciso la geometria operativa della macchina.

Doosan punta moltissimo sulla nuova tecnologia FEH

Doosan

FEH e VBO lavorano per la prima volta insieme portando l’efficienza del nuovo DX225LC-7X a livelli molto alti

L’escavatore invia il suo feedback all’operatore sotto forma sonora e visiva. In questo modo ottimizza il controllo in funzione del lavoro da svolgere. Questo consente di mantenere delle geometrie di scavo preimpostate, di operare con dei piani prestabiliti o limitare i movimenti della macchina entro certi parametri. A seconda del tipo di geometria la macchina eseguirà dei movimenti semi automatici complementari a quelli che esegure l’operatore per mantenersi entro i parametri impostati.

Il ricevitore laser permette al sistema di mantenere fermo il punto di riferimento anche quando l’escavatore cambia posizione, senza necessità di doverlo reimpostare a ogni spostamento della macchina.

Il DX225LC-7X viene consegnato al cliente con tutti i sensori già tarati. Rimangono, ovviamente, da impostare le  tarature rispetto alle benne che il cliente andrà ad utilizzare. Si tratta di un’operazione che non richiede strumenti specifici e che deve tenere conto della geometria effettiva della benna impiegata.

Il sistema chiederà quindi all’operatore di inserire le misure richieste per finalizzare il processo di taratura, operazione che per tre benne richiede circa un’ora. Successive tarature sono sempre possibili ogni qualvolta si aggiunge una nuova benna alla macchina. Oppure una nuova attrezzatura come, ad esempio, un tilt-rotator.

Le funzioni principali di controllo del Doosan 7X

Il nuovo DX225LC-7X offre diverse funzioni principali di controllo. Ognuna è attivabile premendo il relativo pulsante. Abbiamo quindi la funzione Assist che permette il controllo assistito per le operazioni con la benna e di livellamento. C’è poi il Swing Control che consente il controllo assistito della rotazione e degli eventuali limiti di rotazione. Abbiamo il Virtual Wall con cui si imposta un muro virtuale per impostare i limiti in altezza di scavo/perimetro nella rotazione o nell’interferenza della benna sulla cabina, sui cingoli o sulla lama.

L’altra funzione è il Livellamento assistito. Che si imposta in modo On/Off tramite il joystick e il pannello strumenti. Quando questa modalità è impostata il braccio e la benna appaiono in verde nell’icona sul pannello strumenti.

L’impostazione dell’angolo della benna permette di memorizzare l’angolo corrente riportandolo identico in modo ripetitivo durante le operazioni di scavo. Quando l’operatore aziona il joystick della benna, l’ultimo valore viene memorizzato all’arresto dell’operazione.

Il sistema di pesatura e sollevamento assistito misura e mostra il peso corrente della benna durante il carico del materiale. Avvertono inoltre l’operatore quando il peso totale supera il valore prestabilito in modo da evitare sovraccarichi sul camion.

Doosan punta ad ampliare ulteriormente le capacità del DX225LC-7X ed è già al lavoro per integrare nuove funzionalità. Tra cui, decisamente interessante, l’upgrade a Trimble GPS 3D completo (opzionale), e la predisposizione di fabbrica per Tilt Rotator Engcon (Plug and Play) oltre che la benna tiltabile per guida macchina in 2D.

Il Doosan DX225LC-7X sarà presto equipaggiato con altre tecnologie

Doosan

A breve arriveranno nuove tecnologie a bordo macchina

In primo piano

Articoli correlati

Caterpillar, ampliata la gamma di gruppi elettrogeni

Caterpillar ha presentato il gruppo elettrogeno Cat Xqp310 da 310 kVA, l’ultima soluzione di alimentazione mobile dell’azienda conforme agli standard sulle emissioni Stage V dell'Unione Europea per i motori utilizzati nelle macchine mobili non stradali. Con funzionalità ottimizzate per i noleggiator...