CIFA è uno di quei marchi del made in Italy che hanno scritto pagine importanti di storia. Sia del nostro paese, sia della tecnologia delle macchine. Una visione che Carlo Ausenda ha saputo trasmettere in modo lucido fondando nel 1928 la Compagnia Italiana Forme Acciaio.

Ausenda, in un periodo non semplice per coloro che guardavano all’innovazione che arrivava da oltre oceano, acquisì alcuni brevetti della Blaw Knox per la realizzazione di casseforme in acciaio. E fu proprio il fondatore dell’azienda ad introdurre per primo nel nostro paese questa tecnologia dando una vera svolta nell’esecuzione dei grandi lavori. I casseri in acciaio, infatti, erano riutilizzabili più volte. Al contrario quelli in legno, soprattutto per le opere speciali, diventavano inservibili dopo il primo getto.

Carlo Ausenda fondò CIFA nel 1928

CIFA

Carlo Ausenda fondò la Compagnia Italiana Forme Acciaio nel 1928

Una scelta di campo che però permise a CIFA, negli anni ’30, di essere in prima linea nella fornitura di attrezzature di alto livello per il vero e proprio boom di grandi opere inaugurato dal regime. Le innovative casseforme in acciaio a movimentazione idraulica trovarono ampio impiego nella costruzione di gallerie, viadotti e dighe. Lavori che poi continuarono in forma ancora più importante dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale grazie al piano di ricostruzione.

Le casseforme in acciaio furono l'inizio della storia di CIFA

CIFA

L’idea iniziale di Carlo Ausenda prese forma con l’acquisizione di alcuni brevetti dell’americana Blaw Knox. Iniziò la produzione di casseforme in acciaio che rivoluzionò il mondo dei grandi cantieri e delle opere pubbliche

L’entrata di CIFA nel mercato del calcestruzzo preconfezionato

Sono stati gli anni ’50 a segnare l’ingresso di CIFA nel mercato del calcestruzzo preconfezionato. Nel 1956 appaiono infatti i primi impianti di betonaggio a torre. Da quelli di piccola dimensione si è passati rapidamente a quelli più grandi. Una crescita che ha segnato anche il superamento dei confini nazionali. Sia per la qualità costruttiva e la produttività, sia perché le imprese italiane di costruzioni erano sempre più presenti in ogni parte del mondo. E CIFA era con loro per fornire impianti e casserature necessari per portare a termine grandi lavori in tutti i continenti.

CIFA entrò nel mondo del calcestruzzo preconfezionato negli anni '50 con i suoi impianti

CIFA

Negli anni ’50, dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’azienda lombarda entra nel mercato del calcestruzzo preconfezionato con i suoi impianti. Un successo sempre più crescente che la portano ad un vero e proprio salto di scala. Anche grazie alle tantissime imprese italiane che lavoravano nei cinque continenti

Nel 1958 arriva la prima autobetoniera. Anche in questo caso l’ispirazione arrivò dalla Blaw Knox con il suo fondamentale apporto tecnologico. Il primo modello, la 400, fu una vera rivoluzione nel mondo del trasporto di questo fondamentale materiale per le costruzioni. Un successo immediato che ben presto portò ad un numero elevatissimo di macchine e l’inizio di un’era che, per CIFA, continua ancora oggi.

La prima autobetoniera di CIFA arrivò nel 1958

CIFA

Blaw Knox fu fondamentale anche per l’inizio della storia aziendale nel settore delle autobetoniere. Lo spirito visionario di Carlo Ausenda aveva nuovamente “visto giusto” e da qui iniziò una storia che ancora oggi è innovazione e sviluppo

Continua evoluzione tecnologica

Lo spirito innovatore di Carlo Ausenda portò ad un continuo miglioramento di tutte le tecnologie aziendali. Comprese quelle delle casseforme in acciaio con l’arrivo dei nuovi pannelli modello LP. Riutilizzabili fino a 400 volte, sostituirono i già ottimi LWF che, impiegati fino alla fine degli anni ’50, segnarono un’epoca.

Fu la fine degli anni ’60 che lasciò un segno indelebile nella storia della tecnologia. CIFA iniziò ad importare dagli USA in Italia un modello di pompa di calcestruzzo prodotta dalla CASE. Fu l’inizio di una rivoluzione nel settore. Sebbene avesse alcuni limiti perché pompava solo calcestruzzi molto liquidi, permise a CIFA di mettere a punto una tecnologia di proprietà.

La prima betonpompa importata da CIFA fu una CASE

CIFA

L’importazione in Italia di una pompa per calcestruzzo costruita dalla CASE diede l’inizio di un’altra appassionante storia di tecnologia e innovazione nell’azienda lombarda

Nel 1972 il costruttore italiano presentò al mercato la nuova pompa 554 che rivoluzionò il mercato e fece entrare CIFA nel ristretto novero mondiale dei costruttori di pompe per calcestruzzo. Peccato che Carlo Ausenda, venendo a mancare nel 1967, non potè godersi quegli splendidi momenti. I suoi figli rimasero però alla testa dell’azienda fino al 1987.

La prima betonpompa di CIFA prende vita nel 1972 e rivoluziona il mercato

CIFA

La prima betonpompa del costruttore italiano ha visto la luce nel 1972

CIFA entra nel Gruppo Ferruzzi

Anno in cui l’azienda lombarda entra nel Gruppo Ferruzzi. Ma nel frattempo in CIFA avevano portato a termine importanti progetti innovativi come la prima autobetonpompa. Un prodotto nato nel 1974 che andava incontro alle esigenze del mercato unendo la polivalenza del trasporto con la comodità del pompaggio. Soprattutto per cantieri di piccole dimensioni dove non erano richiesti getti importanti e lunghe distanze da coprire.

L'autobetonpompa è un'invezione tutta italiana che prende spunto dalle esigenze del mercato

CIFA

La gamma di autobetonpompe segnò la storia del settore

L’evoluzione di questa macchina portò nel 1987 alla Magnum, l’autobetonpompa con la migliore e più evoluta tecnologia integrata allora disponibile. Una vera pietra miliare che, ancora oggi, è ricordata dagli addetti ai lavori.

I modelli di autobetonpompe di CIFA segnarono quindi un’epoca e la loro evoluzione portò grandi innovazioni nel settore. Come la valvola ad “S”, bracci ad altezze sempre maggiori e la stabilizzazione ad “X”. A fine anni ’90 arrivò la K40, prima pompa da 40 metri con braccio a 5 sezioni. Negli stessi anni l’azienda lancia le tecnologie per lo sprayer-concrete utilizzate soprattutto in galleria.

Le betonpompe sono un fiore all'occhiello di CIFA

CIFA

L’evoluzione delle betonpompe portò ad una gamma ampia e produttiva che ha fatto scuola nel settore. E continua a farlo

L’arrivo di Zoomilion e il rilancio globale

Nel 2008 CIFA è acquisita da Zoomlion. Il grande costruttore cinese capisce e valorizza il brand italiano rilanciandolo in grande stile in tutto il mondo. Ma soprattutto finanziando i grandi progetti innovativi che erano in fase di studio. Prendono così vita, negli anni successivi, molti prodotti che staccano nettamente la concorrenza e segnano il marchio come CIFA come profondamente innovatore.

La tecnologia Carbotech ha reso famoso il marchio in tutto il mondo

CIFA

La tecnologia Carbotech ha segnato il mondo delle betonpompe portando più leggerezza , più resistenza e maggiore capacità operativa

Nel 2010 arriva la prima pompa della serie Carbotech, con il leggerissimo braccio in carbonio. E’ il modello MK25 che ha una tara molto più bassa rispetto ai concorrenti pur avendo un braccio molto più flessibile e resistente. Nel 2013 arriva Energya, la prima autobetoniera ibrida-elettrica al mondo che darà l’inizio a un nuovo modo di pensare il trasporto e la distribuzione del calcestruzzo.

Potrebbe interessarti

La serie continua con la Coguaro 4 nel 2015, la prima betoniera per lavori in tunnel e miniere. A cui fa seguito, nel 2015, il CSSE, il primo spritz-beton elettrico. Seguito a sua volta nel 2019 dal Magnum MK28E, la prima betonpompa elettrica che arrichisce la gamma Energya.

Il resto è tecnologia dei giorni nostri. Con le betonmpompe della classe 60 metri o gli impianti di produzione della gamma Fivetech. Una storia di tecnologia che vale la pena conoscere grazie allo splendido museo aziendale nella sede di Senago. Una perla che fa parte della rete Museimpresa e che va assolutamente vista con i proprio occhi.

La gamma attuale di CIFA è di assoluta avanguardia

CIFA

L’evoluzione del prodotto ha portato oggi ad una gamma di macchine di assoluta avanguardia

In primo piano

Sicurezza & macchine. Il video del primo WEB Event.

Sicurezza & Macchine è il tema del nostro primo WEB Event. Un vero e proprio tasto dolente che posiziona l'Italia in coda nell'Unione Europea. I dati INAIL ci forniscono infatti un quadro desolante. Inizia da qui un percorso dove vogliamo diffondere la Cultura della Sicurezza come vero e proprio mod...

Manitou, GB Costruzioni e Longhin, alleanza di lunga data.

G.B. Costruzioni è una delle imprese più reputate del nord ovest per la sua grande attenzione alla qualità del costruito e alla cura dei dettagli. Da decenni utilizza i sollevatori telescopici Manitou nei propri cantieri edili. Grazie ad un rapporto di fidelizzazione con il costruttore e con il conc...

Articoli correlati