CAMS è un costruttore di impianti di frantumazione e vagliatura dal DNA che affonda radici nel tempo. L’azienda di Castel San Pietro Terme (Bo), nasce infatti nel 2001 dall’acquisizione del marchio TEM presente sul mercato dal lontano 1964. Un background di quasi 40 anni che ha permesso di entrare nel mercato con prodotti molto interessanti. Le macchine CAMS sono infatti pensate per operare in efficienza grazie alla estrema compattezza. Tutto questo senza ovviamente rinunciare alla produttività.

La gamma CAMS si caratterizza per bassi consumi ed elevata efficienza operativa

CAMS

Gli impianti del costruttore italiano racchiudono soluzioni tecnologiche spesso inedite e di alto livello

Una gamma di impianti mobili di frantumazione e vagliatura che soddisfa target differenti. E in cui le versioni mobili si accompagnano a quelle trasportabili. Modelli pensati sia per il trattamento di materiali inerti, sia per l’impegnativo settore del riciclaggio. Dove, fra le altre cose, CAMS si presenta con numerosi brevetti pensati per facilitare la vita a chi opera con materiali complessi.

Potrebbe interessarti

Come ad esempio la regolazione idraulica della pezzatura in uscita o la frantumazione utilizzando i trituratori che sfruttano lo sforzo di taglio per ottimizzare i consumi. La capacità di CAMS è anche quella di saper progettare e costruire soluzioni personalizzate. Un aspetto molto apprezzato che permette di risolvere problematiche specifiche e costituisce un importante valore aggiunto per il costruttore.

CAMS costruisce anche impianti fissi su misura

CAMS

Il costruttore di Castel San Pietro Terme è in grado di studiare soluzioni ad hoc per risolvere esigenze produttive specifiche

CAMS fornisce impianti speciali chiavi in mano

CAMS

La realizzazione di impianti chiavi in mano per risolvere specifiche esigenze di riciclaggio è una delle peculiarità di CAMS

CAMS Centauro, la quadratura del cerchio

Fra i modelli proposti spicca sicuramente la serie Centauro. Macchine dove la polivalenza e la versatilità sono al primo posto nelle scelte progettuali del costruttore. Stiamo infatti parlando di impianti mobili dove la frantumazione e la vagliatura sono presenti nella stessa macchina.

La gamma è attualmente composta da quattro modelli che combinano trituratori e vagli di diverse grandezze. Un’impostazione che mette al primo posto, in ogni modello, la facilità di installazione in cantiere, la semplicità nel trasporto e la polivalenza applicativa.

La gamma CENTAURO punta alle aziende evolute di riciclaggio

CAMS

La gamma mobile CENTAURO unisce frantumazione e vagliatura in un’unica macchina

Alla base della gamma è presente il Centauro 100/32. Un modello caratterizzato da un trituratore con bocca di ingresso da 1.000 x 900 mm in accoppiamento con un vaglio vibrante CVV 32 a 2 piani e 3 selezioni. La produttività si attesta su 120 t/h. L’alimentazione è ibrida permettendo di operare sia con gruppo elettrogeno da 121 kW (164 cv), sia tramite rete. Una caratteristisca di tutte le macchine CAMS che permette di contenere in modo drastico i costi di esercizio.

L'alimentazione dei CENTAURO di CAMS può avvenire tramite gruppo elettrogeno o rete elettrica

CAMS

Tutti gli impianti mobili del marchio italiano utilizzano trituratori elettrici alimentati con gruppo elettrogeno oppure direttamente dalla rete elettrica. Il passaggio di alimentazione avviene in pochi istanti dal quadro comandi

Le scelte tecniche della gamma Centauro

Salendo di gamma è presente il Centauro 100/56 in cui la differenza consiste nel vaglio di maggiori dimensioni CVV 056 sempre a 2 piani e 3 selezioni che permette di alzare la produzione massima a 180 t/h. Sale ovviamente la potenza installata del gruppo elettrogeno che arriva a 193 kW (262 cv) con la possibilità di operare in doppia alimentazione. Troviamo un’identica impostazione nel Centauro 120/56 dove il trituratore, questa volta, è l’elemento che sale di scala con una bocca in ingresso di 1.200 x 900. La produzione oraria rimane invariata ma è ovviamente possibile lavorare con materiale dalle dimensioni più impegnative.

La gamma CENTAURO punta su polivalenza e massima efficienza

CAMS

La gamma mobile CENTAURO è in grado di fronteggiare impegnativi cantieri di riciclaggio grazie alla tecnologia della triturazione

Discorso completamente differente invece per il CAMS Centauro L 120/56 – APR. Una macchina molto particolare che si presenta sul mercato con triturazione primaria, triturazione secondaria e vagliatura. Fra le altre cose con un peso operativo standard di 36.300 kg, che arriva a 37.600 kg in versione full-optional, e una larghezza di trasporto di 2,55 metri. I progettisti del costruttore hanno quindi compiuto scelte mirate per fornire un mezzo in grado di muoversi agevolmente sulle nostre strade. Senza dimenticare le esigenze dei cantieri di riciclaggio più difficili dove è importante avere una qualità del prodotto finale di alto livello.

La progettazione di elementi speciali è uno dei punti di forza di CAMS

CAMS

Lo studio di soluzioni personalizzate permette di avere accessori di ogni tipo per aumentare la compatibilità ambientale

Il trituratore primario ha infatti una bocca di 1.200 x 900 mm mentre il secondario si “accontenta” di 1.200 x 700 mm. Il vaglio vibrante è sempre il CVV 056 a 2 piani e 3 selezioni in grado di supportare una produzione massima oraria di 180 tonnellate.

La facilità di trasporto è uno dei must delle macchine CAMS

CAMS

Gli impianti della gamma CENTAURO sono pensati per essere facilmente trasportabili

Perchè CAMS ha scelto la triturazione

L’attenzione verso i consumi e l’efficienza del ciclo produttivo sono due dei punti di forza della gamma del costruttore di Castel San Pietro Terme. L’uso dei trituratori industriali a bassa velocità al posto dei classici frantoi ha portato infatti verso un’elevata efficienza del ciclo di lavorazione. Si parla quindi non solo di consumi ridotti ma anche meno rumore, minore produzione di filler, maggiore uniformità nel trattamento, maggior numero di materiali riciclabili.

CAMS impiega i trituratori industriali elettrici a bassa velocità compattando molto le proprie macchine

CAMS

L’impiego dei trituratori industriali elettrici a bassa velocità permette di avere elevate prestazioni con corpi macchina molto compatti

Non dimentichiamo infatti che è possibile lavorare anche con il vetro, placche e fresato di asfalto, scarti industriali, ceramica, carbone, legno. CAMS ha pensato in modo trasversale a tutti coloro che sono attivi nel riciclaggio di materiali di ogni genere. Con un occhio di riguardo a chi opera nelle bonifiche industriali e nelle demolizioni.

L’impiego di acciai speciali per le lame permette di avere bassi costi di manutenzione. Con un campo applicativo che spazia dai classici centri di recupero di rifiuti da C&D per arrivare alla gestione dei rifiuti generici. Ma sempre avendo bene in mente la qualità finale del prodotto in uscita e il pieno controllo dei costi di gestione.

I trituratori CAMS FTR sono utilizzati per la primaria.

CAMS

I trituratori industriali elettrici a bassa velocità della SERIE FTR sono impiegati nella triturazione primaria

I trituratori CAMS CTR sono utilizzati per la secondaria

CAMS

I trituratori industriali elettrici a bassa velocità della SERIE CTR sono impiegati nella triturazione secondaria

In primo piano

Sicurezza & macchine. Il video del primo WEB Event.

Sicurezza & Macchine è il tema del nostro primo WEB Event. Un vero e proprio tasto dolente che posiziona l'Italia in coda nell'Unione Europea. I dati INAIL ci forniscono infatti un quadro desolante. Inizia da qui un percorso dove vogliamo diffondere la Cultura della Sicurezza come vero e proprio mod...

Manitou, GB Costruzioni e Longhin, alleanza di lunga data.

G.B. Costruzioni è una delle imprese più reputate del nord ovest per la sua grande attenzione alla qualità del costruito e alla cura dei dettagli. Da decenni utilizza i sollevatori telescopici Manitou nei propri cantieri edili. Grazie ad un rapporto di fidelizzazione con il costruttore e con il conc...

Articoli correlati