Bell Equipment ha un lungo rapporto con mtu iniziato già quando i motori erano sotto l’egida di Daimler-Chrysler prima del 2006. Seguendo poi tutte le vicissitudini del marchio fino al ritorno nell’orbita di Mercedes-Benz nel 2011. Non è quindi un caso se le motorizzazioni dei dumper dello specialista sudafricano siano da sempre di questo costruttore.

Per chi non lo sapesse, il marchio mtu (Motoren und Turbinen Union) ha una lunga e gloriosa storia che lo ha portato oggi ad essere parte del gruppo Rolls-Royce Power Systems AG con un accordo di fornitura dei propulsori medio-piccoli da parte di Daimler AG fino al 2025.

Bell Equipment ha un rapporto mtu di lunga data

BELL EQUIPMENT

Il costruttore sudafricano è stato premiato a Bauma 2022.

Non è quindi un caso la doppia denominazione dei motori impiegati da Bell Equipment e la presenza della Stella a tre punte quando si aprono i cofani degli off-road articolati del costruttore.

Una collaborazione che ha portato Rolls-Royce alla recente consegna del suo 5.555° motore mtu delle serie 1000, 1300 e 1500 al grande produttore globale di dumper articolati.

mt è uno dei principali costruttori di motori diesel industriali al mondo

mtu- Motoren und Turbinen Union

UN COSTRUTTORE FRA STORIA E LEGGENDA

Una storia che inizia nel 1909 con Wilhelm Maybach

MTU Friedrichshafen GmbH è un produttore tedesco di motori a combustione interna fondato da Wilhelm Maybach e suo figlio Karl Maybach nel 1909. Wilhelm Maybach era il direttore tecnico di Daimler-Motoren-Gesellschaft (DMG), ossia una società che ha preceduto la multinazionale automobilistica tedesca Daimler AG. Lavorò in questa azienda fino al 1907. Dopo due anni, il 23 marzo 1909, fondò una nuova società con il nome Luftfahrzeug-Motorenbau GmbH insieme al figlio Karl Maybach che assunse la carica di Direttore.

Pochi anni dopo l'azienda è stata ribattezzata Maybach-Motorenbau GmbH e all'inizio sviluppava e produceva motori diesel e benzina per Zeppelin. Ampliando la produzione in seguito verso i vagoni ferroviari. Il motore Maybach Mb.IVa è stato infatti utilizzato su aerei e dirigibili della prima guerra mondiale.

L'azienda costruì per la prima volta un'auto sperimentale nel 1919 con un primo modello presentato due anni dopo al Motor Show di Berlino. Tra il 1921 e il 1940 la produzione si concentrò soprattutto sulle auto di lusso.

Parallelamente ha continuato la produzione di motori diesel per impieghi gravosi per l'impiego marittimo e ferroviario. Durante la seconda guerra mondiale la produzione è stata sostanzialmente incentrata sulle motorizzazioni per i carri armati medi e pesanti della Germania.

Negli anni '60 l'azienda è stata ribattezzata MTU Friedrichshafen e ha continuato a fornire i motori per il carro armato Leopard 2.

Il nome MTU deriva da "Motoren und Turbinen Union".

L'azienda è rimasta una filiale di DaimlerChrysler fino al 2006. Anno in cui è stata venduta al fondo di private equity EQT IV diventando di fatto parte della Tognum Corporation.

Rolls-Royce Holdings e Daimler AG hanno poi acquisito Tognum nel 2011.

Nel 2014 Tognum è stata ribattezzata Rolls-Royce Power Systems essendo passata completamente sotto il controllo di Rolls-Royce Holdings nel 2013.

L'azienda produce motori diesel per treni, navi, impianti petroliferi e del gas, veicoli militari, attrezzature agricole, minerarie e da costruzione. La produzione si allarga anche ai generatori diesel e alle celle a combustibile a carbonato fuso.
Hidromek impiega motorizzazioni mtu sulle proprie pale gommate

Fra i costruttori di macchine movimento terra anche Hidromek impiega motorizzazioni mtu sulle proprie pale gommate.

Bell Equipment, specialista fra i generalisti

Il costruttore è infatti uno specialista che si inserisce in un mercato di generalisti. Con dei plus notevoli dati soprattutto dall’efficienza di tutto il powertrain. I dumper Bell Equipment, infatti, sono riconosciuti come particolarmente parchi nei consumi.

Una fedeltà a queste motorizzazioni che ha portato Rolls-Royce a celebrare la consegna del 5.555° motore mtu.

Lei Berners-Wu, Vice President Global Industrial presso la business unit Power Systems di Rolls-Royce, ha quindi consegnato simbolicamente un pistone motore speciale. Si tratta del “Piston of Honour” che è stato dato a Leon Goosen, Ceo di Bell Equipment.

Un premio consegnato al Bauma di Monaco di Baviera.

mtu ha consegnato a Bell Equipment un premio che riconosce la fedeltà nel tempo

BELL EQUIPMENT

Lei Berners-Wu, Vice President Global business unit Power Systems di Rolls-Royce consegna il premio a Leon Goosen, Ceo di Bell Equipment.

Inutile dire che siamo estremamente orgogliosi della nostra lunga e proficua collaborazione con Rolls-Royce e siamo lieti di aver raggiunto insieme questo traguardo. Per molti anni noi ei nostri clienti siamo stati conquistati dalle prestazioni e dall’affidabilità del marchio di motori mtu. Siamo da sempre un’azienda che ha una passione per l’innovazione e una spinta a guidare lo sviluppo. Apprezziamo quindi gli sforzi compiuti da Rolls-Royce per rendere il marchio di motori mtu compatibile con i carburanti sostenibili. Si tratta di un elemento fondamentale per la riduzione dell’impatto ambientale dei nostri dumper” ha affermato Leon Goosen, Ceo di Bell Equipment.

Bell Equipment è uno specialista globale dei dumper articolati

BELL EQUIPMENT

Il costruttore è uno specialista del settore con una gamma apprezzata di dumper articolati.

La visione di mtu e Bell Equipment verso l’off-road

Con il ‘Piston of Honor’, portiamo un segno di apprezzamento a Bell Equipment e li ringraziamo per la loro collaborazione di lunga data” ha sottolineato Lei Berners-WuBell Equipment è infatti uno dei nostri clienti più importanti nel settore delle macchine movimento terra, delle applicazioni industriali e dell’agricoltura. Si tratta infatti di una partnership che intendiamo mantenere ed espandere in futuro”.

Rolls-Royce e Bell Equipment lavorano insieme dal 1998 tenendo conto dell’origine Mercedes dei propulsori impiegati sui dumper. Il costruttore sudafricano è un’azienda a maggioranza familiare fondata nel 1954. Produce, commercializza ed esporta in tutto il mondo un gran numero di diverse macchine per la movimentazione dei materiali. Bell Equipment impiega oggi un totale di circa 3.700 persone ed opera non solo nel mondo delle construzioni ma anche in quello dell’agricoltura.

I motori mtu forniti sono installati, tra gli altri, nella gamma completa di dumper articolati della serie E. Oggi il marchio è uno dei maggiori clienti Oem di Rolls-Royce, in particolare nel mercato africano.

Bell Equipment è un costruttore affermato nel settore dei dumper articolati

BELL EQUIPMENT

Il marchio sudafricano utilizza propulsori mtu dal 1998.

Utilizzo di carburanti sintetici per i motori mtu

Rolls-Royce si è impegnata in modo sostanziale nella ricerca di nuove fonti di alimentazione per i suoi motori. Il costruttore ha recentemente messo in commercio i propulsori per le macchine movimento terra, macchine agricole, industriali e da miniera delle serie mtu 1000, 1100, 1300, 1500 e 4000 compatibili con i carburanti sostenibili della norma EN15940.

Potrebbe interessarti

Stiamo quindi parlando dei carburanti BtL (Biomass to Liquid) e PtL (Power to Liquid) come l’e-diesel. Un gruppo che include quindi anche l’Hvo (Hydrolated Vegetable Oil). I vantaggi di questo carburante sintetico non sono solo la combustione pulita con emissioni di particolato ridotte fino all’80%, ma anche la riduzione delle emissioni di ossido di azoto e di CO2 fino al 90% rispetto al diesel fossile.

Rolls-Royce sta quindi dando un contributo importante per un futuro più rispettoso del clima. Con lo slogan “Net Zero” di Power Systems il gruppo si è infatti prefissato l’obiettivo di diventare climaticamente neutrale entro il 2050.

Bell Equipment utilizza mtu per i suoi dumper più grandi

BELL EQUIPMENT

Il marchio sudafricano utilizza propulsori mtu dal 1998.

In primo piano

Manitou, Preve, Longhin. Cantiere mozzafiato.

"Liguria, terra sospesa fra cielo e mare". Così Italo Calvino definiva il contesto geografico dove ha sede un cantiere unico nel suo genere per un importo superiore ai 35 milioni di euro. Qui i due Manitou MRT2260 Vision+ della Preve Spa, venduti dal concessionario Longhin, forniscono un servizio fo...

Articoli correlati