Trevi Benne fonda da sempre la propria crescita sulla capacità di ascolto dei clienti. Non è quindi un caso che abbia sviluppato una gamma di attrezzature specifiche per il settore forestale. Una gamma che non vuole andare a insediare il mercato iper specializzato dei processori. Ma che, al contempo, fornisce soluzioni pratiche e funzionali ad un settore che, in Italia, sta registrando una crescita importante.

Trevi Benne, soluzioni ad hoc per la silvicoltura

Chi lavora nel forestale ha esigenze che vanno oltre l’abbattimento: la produttività è influenzata da lavorazioni accessorie che sono un puro costo in termini di tempo. Riuscire ad ottimizzare queste lavorazioni aumenta i margini. Stiamo parlando della rimozione dei ceppi. O del taglio veloce di grandi pezzi di tronco. O anche del taglio di specie che non vogliono, per morfologia, i classici processori da conifere. Come riuscire a ottimizzare queste operazioni?

La capacità di Trevi Benne di saper vedere e ascoltare il mercato del forestale ha portato l’azienda vicentina a sviluppare una gamma di prodotti specifici. Tre linee di attrezzature che comprendono pinze abbattitricipinze spaccalegna e pinze estrattrici di ceppi. Con un’esperienza che si basa sull’essere uno dei leader globali nel settore delle attrezzature da demolizione. Affidabilità e polivalenza sono quindi due must irrinunciabili. Un’esperienza che si concretizza in geometrie di lavoro corrette, in articolazioni progettate e costruite per durare, in componenti idraulici di elevata durabilità.

Trevi Benne, obiettivo massima produttività

La gamma forestale del costruttore non si limita alle macchine compatte ma offre modelli adatti anche per escavatori dal peso operativo di 35 tonnellate (pinze abbattitrici e spaccalegna) e 28 tonnellate (estrattori di ceppi). Pesi operativi non così consueti nel settore forestale non solo da noi ma anche in Paesi, come Austria, Germania, Svizzera e Francia, in cui questo comparto economico è particolarmente sviluppato.

Trevi Benne ha una gamma forestale completa e polivalente

L’obiettivo di Trevi con queste macchine per il settore forestale è chiaro: fornire attrezzature molto produttive e adatte per impieghi pesanti e professionali anche a corredo di processori più complessi. Una visione di mercato mirata ad applicazioni spesso trascurate da altri e che possono fare la differenza per la riduzione dei tempi dei cantieri.

Attrezzature specifiche per essere sempre sul pezzo

L’aumento di professionalità nel forestale sta investendo in modo importante anche le colture di pianura che richiedono attrezzature specifiche per l’abbattimento evitando, per quanto possibile, l’utilizzo della motosega. La stessa estrazione dei ceppi effettuata con un escavatore dotato di classica benna da scavo è oggi antieconomica. Efficienza, produttività e sicurezza sono i vantaggi immediati, e non trascurabili, che si hanno utilizzando attrezzature specifiche.

Le cesoie forestali Trevi Benne sono fra le più prestazionali del mercato

In primo piano

Articoli correlati

Mantovanibenne CR26R BB, anteprima booster

MANTOVANIBENNE arriva in Italia con la sua nuova pinza da demolizione CR26R BB. Dotata di tecnologia idraulica con moltiplicatore di pressione, approda nei cantieri italiani per un ciclo di test presso gli utilizzatori dopo aver lavorato per migliaia di ore nelle demolizioni in nord Europa. L'abbiam...