Manitou spinge forte sull’acceleratore della transizione ecologica. Infatti a Bauma 2022 il costruttore ha presentato la nuova gamma degli MRTe a funzionamento elettrico. Nello specifico parliamo di 2 nuovi modelli, per un totale di 6 versioni, che allargano l’offerta dei VISION+ da parte del costruttore francese.

Si tratta nel dettaglio di ulteriori nuovi tasselli nella gamma OXYGEN che comprende tutte le macchine del costruttore a funzionamento elettrico. Non solo gli MRTe, quindi, ma anche il più piccolo MT625e e le piattaforme elevabili. In totale sette nuove macchine che Manitou mette a disposizione dei propri clienti che vogliano operare in cantieri dove non è possibile emettere emissioni. Senza contare, inoltre, gli ambienti di lavoro in cui si è sempre in qualche modo operato ma dove le macchine elettriche possono fare la reale differenza. Come, ad esempio, nella manutenzione industriale o in ambienti ospedalieri.

Manitou punta molto sui nuovi MRTe a funzionamento elettrico

Manitou

I due nuovi modelli MRTe derivano dalle macchine con motore endotermico e mantengono identici livelli prestazionali.

Di fatto oggi Manitou si posiziona in modo netto davanti a tutti i competitor mettendo a disposizione degli addetti ai lavori 4 piattaforme a braccio articolato, 2 telescopici rotativi e 1 telescopico compatto a funzionamento completamente elettrico. Sette nuove macchine che consentono di presentarsi al mercato coprendo un target molto ampio.

La cabina VISION+ dei telescopici rotativi Manitou equipaggia anche i modelli elettrici

Manitou

Derivati dalla gamma MRT standard, i nuovi MRTe hanno identiche prestazioni e identico posto guida che caratterizza i VISION+ del costruttore francese.

Manitou MRTe, si inizia dal “mercato vero”

Il costruttore francese, nel caso delle versioni elettriche degli MRT, ha voluto iniziare non tanto partendo dai modelli più piccoli ma dove si trovano i “numeri” importanti del mercato. Ecco quindi che le prime due macchine sono proprio l’MRT 2260e e l’MRT2660e. Due modelli con altezze massime di lavoro di 22 e 26 metri e che fanno parte della recente gamma VISION+.

Le capacità massime di carico si attestano a 6 tonnellate in entrambi i casi. Il livello prestazionale è identico a quello delle versioni con motore endotermico puntando, come sempre, alla proverbiale precisione operativa Manitou. In particolare tutti i movimenti di braccio e torretta sono simultanei.

I nuovi Manitou MRTe aprono nuovi orizzonti applicativi

Manitou

Il funzionamento elettrico dei nuovi MRTe permette di operare portando a zero le emissioni in cantiere.

La batteria è agli ioni di litio da 700 V/65 kWh e garantisce un impiego ottimale. Questo anche in condizioni climatiche difficili testate nei particolari ambienti dell’Europa del nord. L’autonomia prevista di serie è di 4 ore. In opzione è possibile ampliarla ulteriormente aggiungendo una seconda batteria con prestazioni identiche a quella di serie. In questo modo, di fatto, si raddoppiano i tempi di operatività senza ricarica.

L'uso nei cantieri dei nuovi Manitou MRTe permette un loro impiego in ogni campo applicativo

Manitou

L’impiego nei cantieri dei nuovi MRTe permette un allargamento del campo applicativo in ogni ambito grazie all’assenza di emissioni gassose.

Anche ibridi

Manitou mette a disposizione degli utilizzatori una “terza strada”. Ossia quella della versione ibrida.

Si tratta di una soluzione equilibrata che unisce i vantaggi di entrambi gli azionamenti. Infatti, impiegando un dispositivo in grado di aumentare l’autonomia, permette un impiego degli MRTe in modo molto più flessibile. Infatti si tratta di un allestimento che consente di affrontare lunghi tragitti fra due cantieri o ricaricare la batteria in luoghi in cui non vi sia una sufficiente potenza di ricarica. O laddove manchi del tutto.

Da un punto di vista prestazionale i nuovi MRTe mantengono livelli molto elevati

Manitou

Le altezze massime dei nuovi MRT2 sono di 22 e 26 metri rispettivamente per il MRTe 2260 ed MRTe 2660.

Potrebbe interessarti

Manitou, GB Costruzioni e Longhin, alleanza di lunga data.

G.B. Costruzioni è una delle imprese più reputate del nord ovest per la sua grande attenzione alla qualità del costruito e alla cura dei dettagli. Da decenni utilizza i sollevatori telescopici Manitou nei propri cantieri edili. Grazie ad un rapporto di fidelizzazione con il costruttore e con il conc…

Le diverse opzioni di ricarica previste da Manitou

Per la ricarica si è pensato alla più ampia operatività possibile. Di serie è quindi previsto un caricatore integrato da 11 kW che permette di ricaricare in 4 ore e mezza. Oppure in opzione è disponibile un caricatore, sempre integrato, da 22 kW per una ricarica in 2 ore e 15 minuti.

Per chi invece avesse necessità operative molto strette è ulteriormente disponibile una soluzione ancora più rapida. Si tratta per la precisione di un caricatore integrato che permette di effettuare la ricarica in meno di un’ora ma la sorgente deve essere di 400 V AC. Si tratta quindi di diverse opzioni che consentono a Maniotu di offrire agli utilizzatori una grande flessibilità di utilizzo modulabile in base all’impiego concreto delle macchine nei propri cantieri. E, cosa non da poco, di avere la possibilità di configurare l’allestimento quasi su misura.

Manitou ha pensato a diversi tipi di sistemi di ricarica

Manitou

La gamma MRTe dispone di diversi tipi di ricarica in modo da andare incontro alle esigenze di un mercato dinamico e frastagliato. Ottima la possibilità di avere una versione ibrida.

In primo piano

Articoli correlati

Palfinger, le gru TEC aprono nuove frontiere

La gamma TEC di Palfinger ha fissato nuovi standard operativi nelle gru ad alte prestazioni. Alla base un elevato impiego della tecnologia digitale che aiuta concretamente l'operatore, prestazioni superiori e capacità di sollevamento e movimento in spazi ristretti e difficili. L'hardware vede l'uso ...