Manitou è un costruttore che si basa su una rete di concessionari di tutto rispetto. Fra questi la Longhin srl, di Villanova d’Asti, è sicuramente una delle strutture distributive più longeve e fedeli al marchio francese. La sua presenza sul territorio ha infatti compiuto 50 anni nel corso dell’autunno scorso. Fondata da Elio Longhin, ancora oggi attivo in azienda a 360°, l’azienda piemontese commercializza, assiste e noleggia le macchine Manitou in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Uno dei concessionari di eccellenza del costruttore che spesso si muove, su specifica autorizzazione, anche per soddisfare le richieste di clienti lontani. Arrivando anche oltre i confini nazionali per seguire i suoi clienti più importanti.

Potrebbe interessarti

Un’organizzazione che ha permesso di avere un market-share molto alto e conquistare la fiducia storica di clienti importanti come la GB Costruzioni di Alba. Una fra le imprese più apprezzate nel nord ovest per l’elevato livello qualitativo delle proprie realizzazioni.

Cliente Longhin da decenni, la GB Costruzioni è stata una delle prime aziende in Italia ad acquistare un telescopico rotativo Manitou MRT 2660 Vision+. Una macchina fondamentale per la conduzione dei cantieri aziendali dove polivalenza, compattezza e capacità di sollevamento sono tre requisiti fondamentali.

Il Manitou MRT 2660 è una macchina in grado di soddisfare le complesse richieste dei cantieri edili in zone difficilmente accessibili come quella delle Langhe

G.B. Costruzioni

Il cantiere di Monforte d’Alba presenta problematiche logistiche dove il Manitou MRT 2660 Vision+ si rivela fondamentale

Nel cuore delle Langhe, sito Unesco

Per vedere all’opera il nuovo rotativo del costruttore di Ancenis ci siamo recati a Monforte d’Alba, nel cuore delle Langhe e delle terre del Barolo, uno dei migliori vini al mondo. Qui la G.B. Costruzioni, che quest’anno compie ben 60 anni di attività, è impegnata nella realizzazione di un resort che si affaccia verso il panorama mozzafiato di Serralunga d’Alba. In mezzo una vallata piena di vigneti da cui si scorgono, in lontananza, filari a perdita d’occhio.

Il cantiere della G.B. Costruzioni dove lavora il Manitou MRT 2660 si trova in un contesto paesaggistico eccezionale

G.B. Costruzioni

Il nuovo resort nasce a Monforte d’Alba, uno dei comuni del Barolo, in una posizione incantevole

Uno dei paesaggi più belli al mondo che attira turisti da ogni dove e ha permesso alle Langhe di essere classificato come sito Unesco. E dove la G.B. Costruzioni è particolarmente attiva e ricercata grazie all’attenzione per la qualità e i dettagli che la distinguono. Sia nelle opere civili che in quelle industriali.

Qui il nuovo MRT 2660 Vision+ lavora al massimo delle sue potenzialità operando sia come classico sollevatore telescopico, sia come gru, sia come PLE fissa o semovente. Caratteristica, quest’ultima, che lo rende unico sul mercato. Ne abbiamo parlato con Enrico Girola, titolare insieme alla moglie della G.B. Costruzioni.

Enrico Girola, vicino al suo Manitou MRT 2660, è il titolare della G.B. Costruzioni di Alba

Enrico Girola

Titolare insieme alla moglie della G.B. Costruzioni srl di Alba (Cn), azienda fondata 60 anni fa.

Da decenni clienti di Longhin e di Manitou, sono stati fra i primi in Italia ad acquistare il nuovo MRT 2660 Vision+.

ENRICO GIROLA, Titolare insieme alla moglie della G.B. Costruzioni srl di Alba (Cn).
"La nostra azienda ha 60 anni ed è stata fondata da mio suocero. Nel 2010 è stata rilevata da me e mia moglie. Lavoriamo prevalentemente in Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta puntando soprattutto sulla massima qualità realizzativa. Stiamo investendo in persone e macchine per mantenere elevato il nostro livello realizzativo visto che siamo riusciti ad avere una Committenza di alto profilo. Il Manitou MRT 2660 è il secondo telescopico rotativo del marchio che entra nella nostra azienda insieme a diversi altri modelli fissi più piccoli. Si tratta di una macchina fondamentale per i nostri cantieri. Stiamo infatti realizzando molte cantine e resort come questo e la polivalenza che ci offre una macchina di questo tipo è impagabile"
E continua "Il nostro rapporto con Manitou passa dal concessionario Longhin con cui abbiamo un ottimo rapporto da molti anni e che ci offre un servizio all'altezza delle nostre aspettative. Non possiamo permetterci ritardi o interruzioni nei nostri cantieri e il sig. Longhin è sempre stato attento ad ogni nostra esigenza. Il nuovo Manitou MRT 2660 si sta dimostrando anche lui una macchina fondamentale. Un buon auspicio per nostro figlio e nostra figlia che, dopo 60 anni di storia aziendale, stanno entrando anche loro nella nostra attività."

La video intervista con Enrico Girola della G.B. Costruzioni e con Mario Longhin, della Longhin Srl

Un cantiere di alto livello per il Manitou MRT 2660 Vision+

Il cantiere della G.B. Costruzioni consiste nella ristrutturazione e ampliamento di una cantina viti vinicola. Il comune di Monforte d’Alba fa parte della zona ufficialmente deputata alla produzione del Barolo. Insieme ai comuni di Barolo, Castiglione Falletto, Serralunga d’Alba, La Morra, Roddi, Verduno, Cherasco, Diano d’Alba, Novello e Grinzane Cavour.

La nuova cantina/resort è il cantiere ideale per valorizzare le prestazioni del Manitou MRT 2660

G.B. Costruzioni

L’ampliamento della cantina prevede una nuova zona resort con due piscine a sfioro che si affacciano sulla valle sottostante

In queste zone il panorama è disegnato dalle curve di livello dei vigneti e dalle splendide cantine/resort che di anno in anno investono nella salvaguardia del territorio e in nuove strutture. Opere architettoniche che si integrano nel paesaggio e hanno un livello qualitativo molto alto. La G.B. Costruzioni è una delle aziende più reputate e conosciute per la propria scrupolosa attenzione verso il risultato finale.

Il cantiere della G.B. Costruzioni si trova in un contesto ambientale stupendo

G.B. Costruzioni

Il contesto ambientale richiede macchine polivalenti e agili come i nuovi Manitou MRT

Il Manitou MRT 2660 Vision+ è un mezzo dalle caratteristiche ideali per cantieri di questo tipo. Si tratta infatti di un territorio collinoso con caratteristiche quasi montane. Stiamo quindi parlando di strade strette, ripide e molto tortuose che si affacciano su panorami meravigliosi. Ma che nascondono difficoltà di accesso con mezzi ingombranti come quelli, ad esempio, che si usano per il trasporto delle gru da cantiere.

Ecco quindi che i sollevatori telescopici rotativi diventano macchine strategiche per le imprese, come la G.B. Costruzioni, che operano in modo assiduo sul territorio nella realizzazione di opere come la nuova cantina/resort nel comune di Monforte d’Alba.

Il Manitou MRT 2660 è una macchina potente e performante ma molto agile su strada

G.B. Costruzioni

Il Manitou MRT 2660 Vision+ è una macchina potente e performante ma al contempo molto agile

Longhin e Manitou, il punto di vista del concessionario

Fra i punti di forza di un marchio c’è sicuramente la propria rete vendita. Longhin srl è uno dei concessionari Manitou più presenti sul territorio ed opera nel sollevamento sia nel settore industriale e delle costruzioni, sia in quello dell’agricoltura. La gamma del costruttore francese consente infatti di spaziare dai semplici transpallet per le attività commerciali fino alle PLE semoventi con braccio articolato in grado di arrivare fino a 28 metri di altezza. Senza trascurare, ovviamente, tutti i sollevatori telescopici, sia fissi che rotativi, e tutte le macchine e attrezzature pensate per la logistica e il mondo delle costruzioni.

Il Manitou MRT 2660 è una macchina ideale per i cantieri complessi dove la logistica pone dei problemi

Longhin Srl

L’impiego del Manitou MRT 2660 Vision+ come PLE semovente gli fornisce un elevato valore aggiunto

Con Elio Longhin, fondatore dell’azienda, e suo figlio Mario, ingegnere e seconda generazione nell’attività, abbiamo parlato dell’MRT 2660 Vision+ e delle sue caratteristiche fondamentali. Una macchina innovativa che punta su un posto guida rivoluzionario, su una capacità di carico ulteriormente aumentata e sulla possibilità di operare come PLE semovente. Una caratteristica che rende i rotativi Manitou unici al mondo. E che in cantieri come quello di Monforte d’Alba fa la differenza in termini di produttività, efficienza e sicurezza operativa.

Longhin srl è concessionario Manitou da 50 anni

Elio e Mario Longhin

Da sinistra Elio Longhin, Giacomo Borghi, Responsabile Marketing Comunicazione di Manitou Italia, l’operatore della G.B. Costruzioni e l’ing. Mario Longhin.

La Longhin srl ha compiuto 50 anni di attività lo scorso anno.

ELIO e MARIO LONGHIN gestiscono l'azienda di famiglia la cui sede è a Villanova d'Asti. Elio ha fondato la struttura distributiva e assistenziale 50 anni fa ed è ancora pienamente attivo con il figlio Mario, ingegnere, esperto di sicurezza sul lavoro. Ci descrivono il nuovo Manitou MRT 2660 con i suoi punti di forza.

"La nuova gamma MRT di Manitou è una vera e propria pietra miliare nel settore dei sollevatori telescopici rotativi. Gli elementi innovativi fondamentali sono sostanzialmente tre. Una capacità di carico ulteriormente aumentata, una cabina rivoluzionaria dove visibilità e facilità di accesso aumentano a dismisura la sicurezza operativa. Infine la possibilità di essere utilizzata come PLE semovente con traslazione direttamente dal cestello di guida. Quest'ultima è una caratteristica unica al mondo su macchine di questo tipo. Manitou è infatti l'unico costruttore a fornire questa opzione tramite radiocomando"
"La cabina di guida è dotata di un'ergonomia completamente rivista grazie ad una superficie vetrata avvolgente e panoramica. L'obiettivo del costruttore è stato di avere la massima visibilità verso l'alto senza affaticare l'operatore. In opzione è possibile avere il vetro avvolgente antiproiettile in modo da eliminare la protezione FOPS superiore. In questo modo chi deve lavorare in condizioni particolari, come ad esempio nei montaggi di impianti speciali, ha una visibilità perfetta. Ma sempre con la garanzia della massima sicurezza".
"Il carico massimo di 6 tonnellate e l'altezza massima di lavoro di 26 metri pongono inoltre il Manitou MRT 2660 come alternativa alle piccole autogru fuoristrada. Ma con la polivalenza e la mobilità di una macchina in grado di muoversi da sola su strada a 40 km/h. Senza contare il fatto che può operare con le classiche forche, con una benna da carico, con benne miscelatrici, con attrezzature idrauliche di vario tipo o, e lo evidenziamo, come PLE". 

Manitou MRT 2660, i numeri della polivalenza.

Il Manitou MRT 2660 è uno dei telescopici rotativi più performanti del mercato

MANITOU MRT 2660 Vision+

Il sollevatore telescopico rotativo Manitou MRT 2660 si colloca nella fascia dell’altezza massima di lavoro di 26 metri

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

PORTATA MASSIMA - 6.000 kg
ALTEZZA MASSIMA DI SOLLEVAMENTO - 25,90 m
SBRACCIO MASSIMO - 21,70 m
POTENZA NOMINALE - 156 cv


PESO e DIMENSIONI
Larghezza - 2,50 m
Altezza - 3,10 m
Larghezza cabina - 0,96 m
Altezza libera dal suolo - 0,36 m
Passo - 3.05 m
Angolo di inclinazione verso l'alto - 12°
Angolo di inclinazione in avanti - 112°
Rotazione della torretta - 360°
Peso operativo - 18.000 kg

STABILIZZAZIONE
Tipo di stabilizzatori - telescopico Duplex
Comandi con stabilizzatori - stabilizzatori a comando indipendente o combinato

MOTORIZZAZIONE
Costruttore motore - YANMAR
Tipo motore - 4TN107FHT-6SMU1
Normative antinquinamento - Stage V
Potenza nominale - 115 kW / 156 cv
Coppia massima - 602 Nm @ 1.500 giri/min
Cilindri / Cilindrata - 4 cilindri / 4.567 cmc
Batterie - n°2 batterie da 12 Volt

TRASMISSIONE
Tipo - idrostatica con Speedshift
Velocità massima - 40 km/h
Impianto frenante - freni multidisco a bagno d'olio su entrambi gli assali

IMPIANTO IDRAULICO
Tipo - pompa a cilindrata variabile 
Portata - 185 l/min
Pressione di lavoro - 350 bar

ALTRE CARATTERISTICHE
Ruote direttrici - (anteriori/posteriori) - 2/2
Comandi - 2 joystick multifunzione
Omologazione cabina - ROPS e FOPS Livello 2
Riconoscimento automatico degli accessori Reco - standard
Modalità di impiego come PLE semovente da cestello - optional
La cabina Vision+ dei nuovi Manitou MRT ha una visibilità eccezionale a 360°

Manitou MRT 2660 Vision+

La nuova cabina è uno dei punti di forza della nuova gamma MRT grazie alla visibilità a 360° e all’ergonomia di guida

L'accesso al posto guida dei nuovi MRT è agevolato da una scala di accesso sicura

Manitou MRT 2660 Vision+

L’accessibilità al post guida dei nuovi MRT è stata pensata per favorire la sicurezza e la semplicità di salita e discesa

La cabina Vision+ dei nuovi MRT di Manitou ha un'ergonomia completamente nuova

Manitou MRT 2660 Vision+

L’ergonomia dei nuovi MRT è stata completamente rivista grazie anche al nuovo monitor touchscreen da 12,1″

Il Manitou MRT 2660 si usa anche come PLE semovente con comandi dal cestello

Manitou MRT 2660 Vision+

L’uso come PLE semovente con traslazione e stabilizzazione dal cestello è una caratteristica unica dei nuovi MRT

Diagramma di carico del MRT 2660 con FORCHE su STABILIZZATORI

Manitou MRT 2660 Vision+

Diagramma di carico con FORCHE – macchina STABILIZZATA

Diagramma di carico del MRT 2660 con FORCHE su PNEUMATICI

Manitou MRT 2660 Vision+

Diagramma di carico con FORCHE – macchina su PNEUMATICI

Diagramma di carico del MRT 2660 con VERRICELLO

Manitou MRT 2660 Vision+

Diagramma di carico con VERRICELLO – macchina STABILIZZATA

Diagramma di carico del MRT 2660 con PLE con cestello da 1.000 kg

Manitou MRT 2660 Vision+

Diagramma di carico PLE – CESTELLO da 1.000 kg di capacità di carico

Diagramma di carico del MRT 2660 con PLE e JIB

Manitou MRT 2660 Vision+

Diagramma di carico PLE con JIB – CESTELLO da 200 kg di capacità di carico

In primo piano

LiuGong Serie F, in arrivo sul mercato italiano

LiuGong è un costruttore cinese che punta in modo deciso verso tecnologia e qualità. Con dei contenuti che lo mettono in diretto confronto con "The big one" Caterpillar in merito a dotazioni, comandi elettroidraulici e disponibilità di tecnologie integrate di assistenza allo scavo. Un prodotto molto...

Articoli correlati