Volvo Penta a ConExpo 2023 presenterà tecnologie e servizi indirizzate alla riduzione delle emissioni inquinanti. Si tratta di un percorso che contribuirà a supportare sia le attuali, sia le future richieste in tal senso da parte dei settori delle costruzioni e del mining. Senza contare, ovviamente, a tutti gli attori del settore industriale.

Nel suo stand Volvo Penta presenterà la trasmissione elettrica accanto al suo attuale portafoglio di motori ultra-efficienti a combustione interna conformi allo Stage V e Tier 4 Final. Nello specifico i D5, D8, D13 e D16. Oltre ovviamente a sfruttare una serie di tecnologie collaudate provenienti da tutto il Gruppo Volvo. Infatti l’innovativa soluzione di trasmissione elettrica non sarebbe stata possibile senza la solida base fornita dalle soluzioni di alimentazione più mature di Volvo Penta. E soprattutto senza la fondamentale esperienza tecnica aziendale. Il costruttore evidenzierà anche la sua offerta di servizi che si concentra sulla creazione di valore attraverso soluzioni connesse.

Potrebbe interessarti

Le partnership al centro del processo

Volvo Penta coglierà l’occasione della grande kermesse nordamericana per svelare l’espansione di una partnership collaborativa con uno dei suoi clienti. L’OEM nordamericano presenterà infatti una macchina di nuova concezione alimentata da Volvo Penta. Per ora non sono stati rivelati ulteriori dettagli.

Fredrik Högberg, Presidente di Volvo Penta North America, in tal senso sottolinea “Non vediamo l’ora di svelare l’espansione della nostra partnership di collaborazione con uno dei nostri clienti OEM a ConExpo. Riteniamo infatti che la collaborazione con i nostri partner sia fondamentale per riuscire nel nostro percorso di trasformazione verso tecnologie nuove e sostenibili. Questo anche per soddisfare le ambizioni di zero emissioni nette del settore e per raggiungere l’iniziativa Science Based Targets (SBTi). Queste ultime riguardano in particolare le emissioni nette della catena del valore entro il 2040. Non possiamo infatti fornire i cambiamenti necessari da soli. Ecco perché stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri clienti, con i partner della catena di fornitura, con i governi, con le società e le altre parti interessate”.

Potrebbe interessarti

McCloskey R105, alta energia nella vagliatura

McCloskey è uno dei riferimenti nel mercato mondiale degli impianti mobili di frantumazione e vagliatura. Il Gruppo Baudino ha scelto di affidarsi alla qualità di lavorazione e selezione di questo marchio per ottenere aggregati riciclati di alto livello qualitativo.

Volvo Penta, il motore pensato per l’heavy-duty

I motori Volvo Penta sono oggi una scelta molto diffusa in una vasta gamma di macchinari. Dagli escavatori e dumper, fino ai frantoi e ai vagli. Si tratta infatti di motori collaudati e ottimizzati per soddisfare le esigenze dei clienti in termini di produttività, tempo di attività e costo di gestione.

Ad esempio la rigenerazione passiva del sistema di post-trattamento elimina il fermo macchina imprevisto durante il funzionamento. Inoltre il consumo di carburante è stato ridotto fino al 5% rispetto agli omologhi modelli precedenti.

Potrebbe interessarti

L’HVO e l’idrogeno in prima linea

Dal 2016 i motori industriali di Volvo Penta possono funzionare con i carburanti rinnovabili (HVO), consentendo quindi una scelta più sostenibile. Si tratta dunque di un ulteriore possibilità per i clienti che desiderano passare a soluzioni a basse emissioni di carbonio. Fra queste vi è anche il motore a idrogeno a doppia alimentazione di Volvo Penta che si basa su un’evoluzione del collaudato modello D8.

Il motore utilizza principalmente l’idrogeno come fonte di carburante rinnovabile e riduce le emissioni di CO2 fino all’80% senza influire sulla potenza o sulle prestazioni. Volvo Penta continuerà ad evolvere la sua gamma di motori per funzionare con carburanti alternativi compatibili. Si tratta quindi di un passaggio che consentirà la transizione verso emissioni inferiori in quei mercati che non possono ancora supportare soluzioni completamente elettriche.

Potrebbe interessarti

Le soluzioni elettriche di Volvo Penta

L’elettromobilità fa parte di un altro aspetto del percorso di trasformazione di Volvo Penta. Il costruttore è quindi un vero e proprio fornitore di sistemi con soluzioni di alimentazione elettrica supportate dalla connettività. Questo consente ai clienti di monitorare attivamente lo stato delle loro trasmissioni in modo predittivo per tutta la loro durata.

Ribadisce infatti Fredrik che “Volvo Penta può offrire ottime soluzioni ai propri clienti per soddisfare le loro esigenze. Indipendentemente da dove questi si trovino nel loro percorso di trasformazione. Per questo lavoriamo a stretto contatto con loro e formiamo partnership a lungo termine per creare soluzioni di alimentazione appositamente progettate in base alle loro esigenze. Come parte del Gruppo Volvo sfruttiamo la comprovata tecnologia, gli investimenti e la competenza di tutti i brand. Ossia di Volvo Trucks, Volvo Buses e Volvo Construction Equipment. Combiniamo questo patrimonio tecnologico con la nostra conoscenza dei clienti, del mercato e delle applicazioni. In questo modo ottimizzimo i progetti e la tecnologia per macchine e applicazioni specifiche, considerando i cicli di lavoro, il clima e l’ambiente in cui opereranno”.

Potrebbe interessarti

In primo piano

Articoli correlati