Mecalac già quattro anni orsono aveva presentato il suo escavatore gommato articolato e12 a funzionamento completamente elettrico. Una macchina nata dalla precisa esigenza normativa che aveva già fissato, per il 2025, il divieto di ingresso nella città di Parigi dei mezzi alimentati con motore a gasolio.

Il costruttore della Savoia non è rimasto con le mani in mano e, oggi, è di fatto il primo ad aver sviluppato una gamma completa di prodotti elettrificati di medie dimensioni. Un’offerta composta dall’escavatore e12, per l’appunto, dalla pala caricatrice swing con braccio girevole es1000 e dal dumper ed6. Macchine accompagnate dalla soluzione di ricarica in loco delle batterie ad alta potenza M-Power.

Mecalac punta quindi ai cantieri urbani compiendo significativi passi avanti nella strada verso una significativa riduzione dell’impatto ambientale. Infatti iI cambiamento climatico e la necessità di ridurre le emissioni di CO2 sono una delle principali sfide globali del 21° secolo.

L'escavatore e12 è stato presentato da Mecalac nel 2018

Mecalac

L’escavatore e12 è stato presentato al pubblico quattro anni orsono e ora fa parte di una gamma midi composta da 3 macchine

Mecalac punta dritta al segmento “midi”

Molti costruttori di macchine movimento terra hanno presentato prodotti elettrici per limitare le emissioni di CO2. Mecalac non è quindi l’unica che si sta muovendo in questa direzione. Tuttavia le risposte date da gran parte dei costruttori è solo parziale. Infatti l’offerta è attualmente limitata a macchine di piccole dimensioni come, ad esempio, miniescavatori da 1,5 tonnellate. Si tratta di mezzi che, fra le altre cose, sono per lo più di solo supporto a macchine più grandi con motore diesel.

Potrebbe interessarti

Ma la gran parte della domanda insiste nel segmento midi. Una fetta di mercato che, anche grazie alle crescenti prestazioni delle macchine, sta crescendo in modo costante. Inoltre i mezzi esistenti, anche se piccoli e quindi più semplicemente gestibili, hanno ancora un’autonomia molto limitata. Si parla infatti per lo più da 1,5 fino a circa 4 ore di funzionamento. Questo non permette quindi un’intera giornata di lavoro in cantiere tra due ricariche della batteria.

L’altro grande fattore è quello psicologico. Infatti le aziende e gli operatori sono abituati a macchine con motore a combustione e di conseguenza il passaggio ai veicoli elettrici non è affatto immediato. Da questi punti cruciali Mecalac ha ricavato importanti indicazioni operative.

Il Mecalac eD6 è la versione elettrificata del dumper medio del costruttore francese

Mecalac

Il dumper eD6 fa parte della nuova gamma di veicoli del costruttore francese

L’ecosistema a emissioni zero di Mecalac

Il costruttore francese ha quindi messo a punto un vero e proprio ecosistema completo a emissioni zero per i cantieri urbani composto da 3 macchine per 3 differenti funzioni. L’escavatore gommato articolato e12, la pala gommata con braccio girevole es1000 e il dumper e6 sono infatti complementari per lo svolgimento di tutte le operazioni di scavo, carico e trasporto.

Una gamma media che vuole dare una risposta alle esigenze del mercato. Ivi compresa quella dell’ottimizzazione energetica. Infatti la ragione principale che spiega l’assenza di macchine elettriche di medie dimensioni è proprio la gestione dell’energia necessaria per avere una sufficiente autonomia.

Per vincere questa sfida, Mecalac ha attuato una svolta tecnologica sul sistema di distribuzione idraulica e sulla gestione energetica dei sistemi ausiliari come, ad esempio, la climatizzazione. L’obiettivo è ovviamente quello di ridurre drasticamente il consumo di energia senza compromettere l’autonomia e le prestazioni.

La versione elettrificata della eS1000 con braccio girevole è un punto di forza di Mecalac

Mecalac

La pala gommata eS1000 è dotata di braccio girevole e telaio rigido con quattro ruote sterzanti

L’energia e la sfida di Mecalac alle abitudini di guida

L’approccio corretto da parte del costruttore è sicuramente quello legato alle abitudini degli operatori. Per decenni il modo di guidare degli operatori è stato ovviamente condizionato dalla presenza del motore a gasolio. Questo non è compatibile con l’ottimizzazione delle prestazioni della batteria.

Ad esempio, quando si preme il pedale dell’acceleratore, tutta la potenza di una macchina elettrica è istantanea. Una differenza sostanziale con il motore a combustione interna. Mecalac ha quindi lavorato sulla configurazione dell’interfaccia uomo-macchina. In questo modo tutto è stato ottimizzato per preservare l’autonomia delle batterie ma al contempo garantire le necessarie prestazioni.

L'ecosistema di Mecalac per i cantieri urbani vuole dare una risposta alla domanda del mercato

Mecalac

La gamma elettrica del costruttore costituisce un vero e proprio “ecosistema” per il cantiere

La fondamentale fase della ricarica

La ricarica delle batterie è altrettanto fondamentale. Mecalac ha messo a punto M-Power. Si tratta di una soluzione di alimentazione mobile ad alta potenza che ha una capacità di accumulo di 300 kWh. Sostituisce infatti i generatori diesel “tradizionali” fornendo una soluzione di ricarica della batteria disponibile ovunque. L’ecosistema elettrico di Mecalac è quindi un’innovazione che permette di ridurre drasticamente le emissioni di CO2 nei cantieri.

Conti alla mano, tre macchine Mecalac a emissioni zero che lavorano insieme nello stesso cantiere urbano risparmiano in media 64 tonnellate di CO2 emessi in un anno dai loro modelli equivalenti.

L’altro vantaggio della nuova gamma Mecalac a emissioni zero è la forte limitazione dell’inquinamento acustico. Inoltre permette di operare in spazi chiusi, come ad esempio nei capannoni, senza limitazioni con una flessibilità applicativa superiore.

Il sistema di ricarica M-Power è parte integrante della gamma elettrica

Mecalac

Il sistema M-Power fa parte integrante della gamma elettrica e permette la ricarica delle batterie in cantiere senza emissioni di CO2

In primo piano

Sicurezza & macchine. Il video del primo WEB Event.

Sicurezza & Macchine è il tema del nostro primo WEB Event. Un vero e proprio tasto dolente che posiziona l'Italia in coda nell'Unione Europea. I dati INAIL ci forniscono infatti un quadro desolante. Inizia da qui un percorso dove vogliamo diffondere la Cultura della Sicurezza come vero e proprio mod...

Manitou, GB Costruzioni e Longhin, alleanza di lunga data.

G.B. Costruzioni è una delle imprese più reputate del nord ovest per la sua grande attenzione alla qualità del costruito e alla cura dei dettagli. Da decenni utilizza i sollevatori telescopici Manitou nei propri cantieri edili. Grazie ad un rapporto di fidelizzazione con il costruttore e con il conc...

Articoli correlati