John Deere sta evolvendo in modo significativo la propria presenza nel movimento terra e sta preparando un vero e proprio sbarco nel vecchio continente. Non solo, quindi, la nuova gamma di escavatori “self made” ma anche una forte propensione verso la transizione ecologica.

Fra le news del Conexpo anche l’elettrificazione con i suoi vantaggi (e svantaggi) che ha visto John Deere impegnata nell’ampliare il portafoglio di batterie. Gli obiettivi sono l’inclusione di opzioni di alimentazione più modulari e nuove soluzioni hardware per l’elettronica. Innovazioni sviluppate con Kreisel ed esposte nello stand del Cervo.

A Conexpo si sono viste le nuove batterie di Kreisel

John Deere

A Conexpo il costruttore ha presentato le nuove batterie sviluppate con Kreisel.

Jennifer Preston, direttore globale di John Deere Electric Power, ha sottolineato che “In John Deere vediamo una chiara e crescente necessità di batterie e soluzioni di ricarica per il settore off-highway. Per questo motivo stiamo sfruttando la nostra competenza ingegneristica per innovare e portare sul mercato i prodotti più robusti e durevoli. Per questo motivo stiamo espandendo la nostra offerta insieme a Kreisel per includere un’alimentazione ancora più versatile e scalabile. L’obiettivo è soddisfare una gamma più ampia di esigenze applicative mentre continuiamo a lavorare verso un futuro con propulsione a emissioni zero. Fra i traguardi vi è la preparazione di soluzioni energetiche a emissioni di carbonio prossime allo zero entro il 2026”.

il John Deere 145X è a funzionamento completamente elettrico

John Deere

I nuovi escavatori del Cervo prevedono anche modelli a funzionamento elettrico dove la tecnologia delle batterie è fondamentale.

Al ConExpo il futuro elettrico di John Deere

Mentre la maggior parte del settore cerca di passare all’elettrico, John Deere sta investendo risorse significative in batterie avanzate e tecnologie di ricarica per applicazioni di attrezzature off-highway. Un percorso che il costruttore sta “costruendo” insieme a Kreisel Electric. L’obiettivo è infatti quello di espandere la capacità produttiva di Kreisel e accelerare lo sviluppo dell’innovativa tecnologia delle batterie dell’azienda.

A Conexpo si sono quindi viste, oltre alla batteria Kreisel Kbp63 da 63 kWh già esposta al Bauma 2022, anche le tre batterie Kreisel di nuova concezione. Si tratta di elementi con opzioni di alimentazione da 20 kWh e 40 kWh. Questi nuovi modelli offrono ai clienti industriali e marini una maggiore flessibilità di installazione. Utilizzano infatti l’architettura scalabile e modulare del fornitore di tecnologia delle batterie e la tecnologia brevettata di raffreddamento ad immersione.

La Kbp63 continua quindi ad essere un’ottima opzione di potenza per un numero significativo di applicazioni fuoristrada. Però, con l’aggiunta delle opzioni di potenza da 20 kWh e 40 kWh, John Deere e Kreisel potranno offrire agli Oem una versatilità ancora maggiore. Nella sostanza si tratta di un pacchetto di applicazioni unico che permette anche di attrezzare veicoli più piccoli ma in grado di sfruttare le elevate prestazioni delle batterie Kreisel.

John Deere ha presentato il nuovo 145X

John Deere

Il nuovo 145X è un escavatore short-radius a funzionamento completamente elettrico.

John Deere e Kreisel, un’offerta sempre più ampia

I due partner hanno capito che, oltre alla creazione di un’offerta diversificata di batterie, è fondamentale lo sviluppo di un ecosistema di ricarica affidabile. In modo che questo possa essere scalato e dimensionato per soddisfare le condizioni operative in diversi tipi di cantieri. I requisiti di ricarica cambieranno quindi in base al segmento di mercato e alle applicazioni. Esattamente come per l’uso delle batterie stesse. Ci saranno quindi differenze a seconda che si debbano usare opzioni fisse o mobili con diversi tipi di portate e tempi di ricarica.

John Deere ha infatti esposto una serie di piattaforme di ricarica sia nei suoi stand interni che esterni per illustrare il costante impegno dell’azienda nel portare sul mercato soluzioni versatili.

Potrebbe interessarti

 Pierre Guyot, vicepresidente senior di John Deere Power Systems, ha affermato che “John Deere riconosce il ruolo importante e l’opportunità che l’infrastruttura di ricarica presenta quando si tratta di progredire e adottare con successo l’alimentazione a batteria. Stiamo lavorando per sviluppare soluzioni di ricarica complete in cui i nostri clienti possano investire. E tali che funzionino in modo affidabile negli ambienti difficili in cui lavorano giorno dopo giorno. Continueremo a essere leader anche nell’elettrificazione off-highway, poiché diamo la priorità allo sviluppo di un solido ecosistema di ricarica e di un’offerta di batterie in grado di supportare e sostenere l’adozione a lungo termine dell’elettrificazione. Questo per andare incontro ad un’ampia varietà di dimensioni e applicazioni delle apparecchiature”.

John Deere ha ribadito a Conexpo la sua nuova linea che va anche in direzione dell'elettrico

John Deere

A Conexpo il costruttore ha puntato molto sulle macchine a funzionamento elettrico sviluppate in-house.

Soluzioni elettroniche robuste e affidabili

John Deere, in qualità di Oem, sa come far funzionare efficacemente i componenti all’interno dei sistemi di trasmissione elettrica. Così come conosce la progettazione di questi sistemi affinché funzionino in modo affidabile in ambienti operativi difficili.

John Deere ha sfruttato la sua profonda conoscenza delle macchine off-road per progettare una famiglia di robusti hardware elettronici. L’esperienza del costruttore permette di fornire soluzioni di sistema complete per le apparecchiature Oem. Si parte quindi dai display integrati e dalla telematica che presentano e raccolgono informazioni critiche, per arrivare all’elettronica di potenza in grado di supportare apparecchiature ibride ed elettriche a batteria.

L’ultima aggiunta alla linea elettronica John Deere è uno switch Gb Ethernet. Si tratta quindi di un modulo che gestisce il trasferimento di informazioni di vario tipo. Dai controlli fino ad immagini di alta qualità e altro ancora a più dispositivi che compongono un sistema. Il tutto in tempo reale.

Kreisel ha sviluppato sistemi integrati

John Deere

Lo sviluppo di sistemi integrati con Kreisel punta a diffondere l’impiego dell’elettricità in cantiere superando gli ostacoli attualmente presenti.

Potrebbe interessarti

In primo piano

Manitou, Preve, Longhin. Cantiere mozzafiato.

"Liguria, terra sospesa fra cielo e mare". Così Italo Calvino definiva il contesto geografico dove ha sede un cantiere unico nel suo genere per un importo superiore ai 35 milioni di euro. Qui i due Manitou MRT2260 Vision+ della Preve Spa, venduti dal concessionario Longhin, forniscono un servizio fo...

Articoli correlati