Blend Plants è un costruttore italiano che ha rivoluzionato il settore degli impianti mobili per calcestruzzo. In realtà limitarsi al calcestruzzo sarebbe un errore grossolano in quanto gli impianti dell’azienda bresciana sono in grado di produrre conglomerati di diverso tipo. Utilizzando materiali di varia natura e con un concetto estremamente preciso di mobilità e flessibilità. Due must che sono alla base della filosofia di Blend Plants e ne hanno decretato il successo in tutto il mondo. Con una gamma di impianti adatti sia ai piccoli cantieri, sia alle grandi infrastrutture.

Al top della gamma è situato l’A240, un impianto per elevate produzioni orarie, che si presenta con una razionale impostazione modulare. Impostazione che ne permette un’effettiva mobilità in tempi molto ridotti. Il tempo di preparazione in cantiere di questo impianto è infatti limitato a un’ora di lavoro. Grazie alla presenza a bordo macchina di ogni elemento funzionale e di quanto necessario per confezionare i conglomerati.

Il Blend Plants A240 è un impianto realmente trasportabile

La mescolazione continua di Blend Plants

La mescolazione continua è l’altro elemento qualificante di questi impianti. Il mescolatore funziona in modo ottimale grazie all’impostazione completamente automatica degli ingredienti. Grazie alla sua polivalenza è inoltre possibile passare dal classico calcestruzzo agli asfalti a freddo utilizzando anche materiali riciclati senza nessun problema. Il mescolatore dell’A240 è inoltre dotato di doppio albero controrotante in continuo in grado di garantire una produzione oraria di 120 mc/ora. Le tramogge per gli inerti hanno un volume che spazia da 9 a 11 mc.

Possono inoltre essere combinate in diversi modi grazie alla loro modularità. Il consumo energetico è complessivamente molto basso. Il fabbisogno è garantito da un motore a gasolio da 110 kW o da uno elettrico da 90 kW. Il disegno del mescolatore permette una semplice e agevole pulizia in qualsiasi momento. Questo grazie alla semplice rimozione dell’elemento inferiore in gomma.

L'impostazione modulare è alla base del Blend Plants A240

Preciso e modulare

Il sistema di dosaggio è il “cervello” del Blend Plants A240 che, insieme al mescolatore in continuo, permette di avere qualità costante e impostare miscele da riprodurre nel tempo. Gli inerti sono dotati di pesatura indipendente per ogni tramoggia. Acqua, cemento e inerti sono gestiti dalla centrale elettronica che ha un’impostazione e un funzionamento semplice e intuitivo. L’esperienza di Blend Plants ha permesso di mettere a punto un sistema di mescolazione realmente efficace e che si basa sulla concreta formazione dei conglomerati.

Acqua e cemento sono infatti distribuiti in modo razionale nel percorso all’interno del mescolatore. Questo per garantire uniformità e qualità. Tanto da poter certificare resistenze specifiche. La sua modularità ne permette il trasporto con un semirimorchio stradale ordinario. Inoltre è possibile avere configurazioni con due, tre o quattro tramogge. Queste ultime nella versione con doppio semirimorchio.

L'A240 è un impianto mobile impiegato anche per la costruzione di grandi infrastrutture

In primo piano

Articoli correlati

Blend Plants, nel Parco del Cilento con una E050

A.L.A. Di Genio Costruzioni è una realtà imprenditoriale che opera nel Parco del Cilento. Con il nuovo Blend Plants E050 ha ulteriormente implementato la propria vocazione per l’ecologia e l’economia circolare. Dall’impianto modello di Ascea, in provincia di Salerno, i materiali riciclati prendono i...